loading...
loading...






Info








Un’isola senza confini e senza identità, dove il mare si fa collante e sentiero per una nuova dimensione, quella che sfugge ai residenti, inchiodati ai loro ruoli tradizionali e incapaci di progredire, esistenzialmente e culturalmente.
Un’isola segnata da una luce bianca e accecante, sintomo di una purezza che è dietro l’angolo, ma che nessuno è in grado di cogliere, tranne Grazia – Valeria Golino: l’eroina del film.
Ha un marito, Pietro, e tre figli: Marinella, Pasquale e Filippo. Ha un lavoro e un ruolo di mamma da portare avanti con dignità. Ha uscite stravaganti che la rendono unica nella routine del posto, è ipnotizzata dal mare e dai suoi segreti, ha uno spirito istintivo che imbarazza e squarcia il quieto vivere del marito – vive all’insegna del carpe diem; si ribella ai codici di comportamento indigeni: quando Pietro sculaccerà il figlio per soddisfare il proprio orgoglio paterno.
E nel momento in cui il marito, d’accordo con alcuni parenti, si risolve per farla ricoverare in una clinica di Milano, lei, oppressa e soffocata da una comunità che non gli dà tregua, fuggirà.
Seguita e aiutata da Pasquale, si rifugerà in una caverna.
Gli abitanti dell’isola, dopo aver scorto il suo vestito in riva al mare, la credono morta. Ma è davvero così? Il regista preferisce non dire.

Trailer


Upload on Youtube

Trackers