Info

Orzowei (1977) – S01e01-07 [Unici disponibili online]

user posted image

Orzowei è il titolo di un romanzo di Alberto Manzi pubblicato nel 1955 e da cui avuto origine una popolare serie di telefilm e un film.

La serie televisiva, co-produzione italo-tedesca (per l’Italia Oniro Film di Gioacchino Sofia), fu trasmessa sulla prima rete RAI, alle 19:20, a partire dal 28 aprile 1977. Protagonisti nel ruolo di Orzowei era Peter Marshall. Il telefilm è ricordato anche per la sigla cantata dagli Oliver Onions. Il capo dei Boeri era interpretato da Stanley Baker che, quando “Orzowei” fu trasmesso in Italia, era già deceduto da tempo.

Prodotto dalla romana Oniro Film e dalla bavarese RM Produtctions, l’adattamento televisivo di Orzowei è diviso in 13 puntate da 25 minuti. Fu trasmessa da RAI 1 a cadenza settimanale ed è forse oggi ricordato più per la sigla degli Oliver Onions che per i suoi contenuti. In realtà, la serie diretta dall’esperto Yves Allégret unisce perfettamente quello spirito di avventura esotica che fu tra le ragioni del successo del contemporaneo Sandokan con la valenza sociologica del romanzo.

Sembra che la serie non sia stata più trasmessa dall’epoca in quanto in un incendio nei magazzini RAI tutte le puntate siano andate distrutte. In rete (e in mano a qualche appassionato) sembra ancora esistere solo la prima puntata e spezzoni dei primi 6 episodi peranto mettiamoci l’animo in pace, non rivedremo mai più Orzowei !

In MEMORIA di PETER MARSHALL

Era nato il 12 giugno 1957 a Hull (GB). Era figlio di Vera e Roy Marshall (un ingegnere britannico che lavoravano per la multinazionale Marconi Electronics). Attraverso il lavoro del padre si trasferì con la famiglia a Aden (Yemen) e Mombasa (Kenya). Essendo un eccellente atleta e fisicamente in forma, fu selezionato tra gli studenti della sua classe per svolgere il ruolo di una miniserie italiano-germanico chiamata Orzowei.

Questa sovrapproduzione di 750 milioni di lire fu diretta da Yves Allégret e tratta dal romanzo scritto dall’italiano Alberto Manzi. L’ambientazione era in Africa nel 1830 e aveva come protagonista un giovane bianco di nome Orzowei che era stato trovato nella giungla da Amunai, un membro della tribù utzi deciso di accoglierlo e di farne un membro della sua tribù. Una volta che il bambino diventa adulto, Orzowei (il cui nome significa per la Ricerca) diventò un esperto nel maneggiare l’arco e dovette sottoporsi ad un rito di passaggio noto come La grande prova, che era quello di sopravvivere da solo ai pericolo della giungla per 30 giorni e dimostrare di poter diventare un grande guerriero….

La produzione subì varie difficoltà, tra cui quella del divieto di riprese in Sud Africa e Uganda (nel luogo in questi ultimi Idi Amin rifiutò di consentire la produzione dopo che scoprì che il protagonista della storia era bianco), ma questo sforzo fu premiato con il grande successo durante il suo debutto pubblico della rete italiana RAI nel 1976, che ebbe una media di 12 milioni di telespettatori. In Spagna fu pure una serie molto popolare durante la sua trasmissione da TVE nel 1978 (sostituì “Mazinger Z” nel programma nel pomeriggio di Sabato), che ha rilasciato una versione di 13 episodi della durata di 25 minuti ciascuno e divenne ben presto una di quelle produzioni che, nonostante la sua breve vita, è ancora ricordata dagli spettatori che erano bambini e ragazzi alla fine degli anni 70. Degno di nota era il tema centrale della stessa, composto dai fratelli De Angelis molto amato in lingua italiana e inglese e che la Spagna fu interpretato da Enrico ed Anna e fu seguito anche da un commercio notevole di marchandising composta da libri, fumetti, poster, giochi carte e quaderni e marca. Bimbo lanciò sul mercato in Spagna anche un album di figurine.

Poco tempo dopo il suo programma televisivo, fu rilasciato un montaggio di filmati di taglio per l’esercito cinematografico. Al n° 1787 della rivista “Ciao” dal 1978, Peter Marshall apparì sulla copertina della rivista in occasione della sua visita a Roma, accompagnato da attrice Shirley Corrigan che molti, però, pensarono fosse una trovata pubblicitaria. Un anno dopo, e grazie alla sua abile manipolazione di un arco, utilizzò la popolarità acquisita per una tournè con un circo in tour in varie province spangole e italiane, cosa che a lui non andava molto a genio, ma che tuttavia fece seguendo i consigli del suo manager. Dopo questa fase, iniziò a perdere popolarità, anche se avrebbe dovuto partecipare ad un sequel di “Orzowei”, progetto che però non fu mai realizzato. Dopo questa fase, a sinistra dello spettacolo e si trasferì in California, che la licenza del pilota di linea. In seguito tornò in Africa per impegnarsi nel trasporto di turisti che visitano i parchi gioco e qualche tempo dopo si trasferì con i suoi genitori in Sud Africa, dove ha continuato ad essere un pilota di volo fornito dai parchi gioco. Questo lavoro portò a far si che si perdessero le tracce su di lui e dette luogo a vari equivoci sulla sua
sorte. Tuttavia Peter Marshall morì all’età di 29 anni in un incidente stradale assieme ad un amico su una strada a Johannesburg (Sud Africa) il 22 ottobre 1986.

Trama
Isa, un bambino bianco abbandonato nella foresta del Sud Africa, viene trovato ed allevato come un figlio da un vecchio grande guerriero e da una vecchia nutrice, ambedue appartenenti ad una tribù di Bantu di etnia Swazi. A causa della sua pelle chiara, Isa non riesce a farsi accettare del tutto dai membri del villaggio, che per schernirlo lo chiamano Orzowei, il “trovato”. Particolarmente ostile è Mesei, il figlio del capo del villaggio. A causa del pregiudizio razziale, Isa non viene accolto fra gli adulti guerrieri della tribù pur avendo superato la drammatica prova dell’iniziazione. Decide quindi di allontanarsi dal villaggio e si rifugia nella foresta, dove viene accolto da una tribù di Boscimani e nuovamente adottato come un figlio dal saggio Pao. Pao stesso però, inviterà Isa a conoscere i bianchi, insegnandogli ad amarli e a capirli. Verrà a contatto con una comunità di Boeri, i quali lo tratteranno peggio di quando abbiano fatto i neri fino a quel momento – dai bianchi prenderà anche delle frustate. Poco più che tollerato tornerà tra i neri suo malgrado, Orzowei si troverà a lottare gli Swazi che lo hanno allevato per primi, e a porre fine al conflitto sconfiggendo proprio il suo nemico di sempre, Mesei.

Titolo originale : Orzowei
Anno : 1977
Durata episodi : 25 min.ca.
Stagioni : 1
Episodi : 7 su 13

AVVISO :
Il materiale in questione mi è stato passato da un utente in privato che ringrazio per averci fatto avere questo unico materiale ormai perduto da tempo e non recuperabile, proprio per l’incendio che ci fu alla RAI.

L’episodio 1 [Mux Deu] è un’episodio che è stato muxato sul materiale video tedesco , mantiene solo la lingua italiana.

Info File

Generale
Nome completo : C:\File Torrent\Orzowei (1977) - S01e01-07 [Unico Pack]\06 e 07.mkv
Formato : Matroska
Versione formato : Version 4 / Version 2
Dimensione : 476MiB
Durata : 41min
Bitrate totale : 1.621 Kbps
Data codifica : UTC 2017-01-04 21:41:32 / UTC 2017-01-04 21:41:32
Creato con : Lavf57.20.100
Compressore : Lavf57.20.100 / Lavf57.20.100

Video
ID : 1
Formato : AVC
Formato/Informazioni : Advanced Video Codec
Profilo formato : High 4:2:[email protected]
Impostazioni formato, CABAC : Si
Impostazioni formato, ReFrames : 2 frame
ID codec : V_MPEG4/ISO/AVC
Durata : 41min
Bitrate : 1.500 Kbps
Larghezza : 720 pixel
Altezza : 576 pixel
Rapporto aspetto visualizzazione : 4:3
Modalità frame rate : Costante
Frame rate : 25,000 fps
Standard : PAL
Spazio colore : YUV
Croma subsampling : 4:2:2
Profondità bit : 8 bit
Tipo scansione : Progressivo
Bit/(pixel*frame) : 0.145
Dimensione della traccia : 429MiB (90%)
Compressore : x264 core 148 r2638
Impostazioni compressione : cabac=1 / ref=2 / deblock=1:0:0 / analyse=0x3:0x133 / me=hex / subme=7 / psy=1 / psy_rd=1.00:0.00 / mixed_ref=0 /

me_range=16 / chroma_me=1 / trellis=1 / 8x8dct=1 / cqm=0 / deadzone=21,11 / fast_pskip=1 / chroma_qp_offset=-2 / threads=6 / lookahead_threads=1 /

sliced_threads=0 / nr=0 / decimate=1 / interlaced=0 / bluray_compat=0 / constrained_intra=0 / bframes=3 / b_pyramid=0 / b_adapt=1 / b_bias=0 / direct=3 /

weightb=1 / open_gop=0 / weightp=2 / keyint=250 / keyint_min=25 / scenecut=40 / intra_refresh=0 / rc_lookahead=40 / rc=abr / mbtree=1 / bitrate=1500 /

ratetol=1.0 / qcomp=0.60 / qpmin=10 / qpmax=69 / qpstep=4 / vbv_maxrate=10000 / vbv_bufsize=20000 / nal_hrd=none / filler=0 / ip_ratio=1.40 / aq=3:1.00
Default : Si
Forced : No
DURATION : 00:41:04.023000000

Audio
ID : 2
Formato : MPEG Audio
Versione formato : Version 1
Profilo formato : Layer 3
ID codec : A_MPEG/L3
ID codec/Suggerimento : MP3
Durata : 41min
Modalità bitrate : Costante
Bitrate : 128 Kbps
Canali : 2 canali
Frequenza campionamento : 48,0 KHz
Modo compressione : Con perdita
Dimensione della traccia : 37,6MiB (8%)
Compressore : LAME3.99.5
Default : Si
Forced : No
DURATION : 00:41:04.151000000

Trackers

http://tracker.leechers-paradise.org:6969/scrape
http://tracker.internetwarriors.net:1337/scrape
http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/scrape
http://tracker.coppersurfer.tk:6969/scrape
http://IPv6.leechers-paradise.org:6969/scrape
http://tracker.tiny-vps.com:6969/scrape
http://tracker.mg64.net:2710/scrape
http://tracker.openbittorrent.com/scrape